7.Abisso di Monte Oro

 

Nome della cavità: Abisso di Monte Oro
Long.: 0° 41' 28",8
Lat.: 45° 51' 14"
Quota: 1280
Numero catasto: 1037 V TV
COMUNE: Borso del Grappa
Località: Cason d’Oro
Sviluppo: 949 -501
Rilievo: G.S. CAI Mestre, G.G.G. Valstagna,

La grotta si apre a quota 1280 m. slm ed è prettamente a sviluppo verticale, è percorsa da una notevole corrente d’aria.
Il pozzo iniziale di 65 m. si è formato nel biancone, calcari biancastri del Giurese. Sul fondo uno stretto meandrino conduce ad un P.15, alla base attraverso una piccola fessura ed un salto di 5 metri siamo all’Antico Fondo, sopra un camino di 25 metri che termina in frana.
A questo punto inizia lo strato di Rosso Ammonitico, attraverso il quale, dopo la stretta Fessuria, si giunge in un P.12 che disceso ci porta nella formazione dei calcari grigi.Un susseguirsi di strettoie meandriformi conducono alla sommità del P.40 o Pozzo Prion, nel fondo, attraverso alcuni massi posti a qualche metro più in alto, un P.15 caratterizzato da particolari forme di erosione. Siamo a -170, l’apporto d’acqua proveniente da varie fessure comincia ad interessare la grotta; brevi salti, meandri fastidiosi intercalati da camini di notevole altezza, per una lunghezza di 60 metri ci portano alla partenza del P.80 o Phanta Pozzo.
Questo pozzo maestoso ha dimensioni medie di 5×8, dopo 5 metri dalla sommità un notevole apporto idrico ci accompagna lungo la discesa. Alla base una grande sala caratterizzata da grossi massi di crollo e di accesso ad un piccolo salto che ci permette di raggiungere Sala Patagio. Un successivo P.36 seguito da una fessura verticale discesa 20 metri ci permettono di raggiungere la profondità di -334 nel vecchio fondo Unca Lunca. Una finestra posta a -25 da Sala Palagio, ci immette nella nuova via. Un meandro fossile di rara bellezza lungo 40 metri con un P.10, converge alla sommità del Pozzo della Cena, campata unica di 80 metri.
La sala di dimensioni 15×30 è caratterizzata dalla presenza di enormi macigni di recente distacco. Meandri, diaclasi, passaggi in frana sono presenti in questa parte di grotta. La prosecuzione è già stata individuata e la frana in parte superata.
Attualmente l’esplorazione è giunta alla profondità di -500 metri e promette Buii Orizzonti.